mercoledì 23 aprile 2008

New Orleans, Davide Van de Sfroos

Seet vegnuda granda giò in paluud,
insèma ai cucudrill e al tò fredèll,
mi hai detto che tuo padre ha tre fucili,
ma urmai g’ho un coer de trenta chili
e podi anca fàss sparà....

E me ho crumpaa un capèll de paja
e una cravatta che g’ha soe i farfall
E poi ti ho portato una collana
cun tucc i perli in fila indiana
la pussee bèla de New Orleans

e propi adèss che te me feet vedè un suriis,
la radio parla de questo cielo sempre pussee griis,
e propi adèss che te strènget la mia man,
gh’emm dumà el teemp de tirà soe trii strasc e nànn...

RIT. - E adèss che canzòn te canti
che la chitàra l’ha purtada via el fioemm
E adèss che canzòn te soni,
che la mia trumba l’ha bufàda via el veent...
Le nostre lacrime sul Mississipi sono difficili da far vedere
Le nostre urla dentro l’uragano
e queste assenze da lasciar tacere

E come mai piovono aghi da lassu' ?
e siamo bambole voodoo trafitte in ogni punto ormai...
E te...desmètt de piaang o mon amour
Te tegneroo la man toujour...
e ti riporto a New Orleans

E turnerà amò el carnevaal
e la paguura la resterà soel fuund del fioemm
E poi la canzone che ho cantato
adesso è un fiore soffocato
Ma la magnolia la riavrà...
E me g’ho un tatuagg cun’t el tò nomm,
l’ho fatto giù alla festa dei cajun
E tu la mia canzone l’hai imparata e non l’hai dimenticata
Ne’anca adèss che suta i tronn...

e propi adèss che te me feet vedè un suriis,
....

E per i blasfemi che non conoscono il dialetto laghee:

Sei diventata grande giù nella palude,
insieme ai coccodrilli e ai tuoi fratelli,
mi hai detto che tuo padre ha tre fucili,
ma ormai ho un cuore di trenta chili
e posso anche farmi sparare...

E ho comprato un cappello di paglia
e una cravatta con le farfalle
e poi ti ho portato una collana
con tutte le perle in fila indiana
la più bella di New Orleans

E proprio ora che mi fai vedere un sorriso,
la radio parla di questo cielo sempre più grigio,
e proprio ora che stringi la mia mano,
abbiamo solo il tempo di prendere tre cose e andarcene...

E adesso che canzone ti canto
che la chitarra l'ha portata via il fiume
e adesso che canzone ti suono,
che la mia tromba l'ha soffiata via il vento...
le nostre lacrime sul Mississipi son difficili da far vedere
le nostre urla dentro l'uragano
e queste assenze da lasciar tacere
e come mai piovono aghi da lassù?
e siamo bambole voodoo trafitte in ogni punto ormai...
e tu... smettila di piangere oh mon amour
ti terrò la mano toujours...
e ti riporto a New Orleans

E tornerà ancora il carnevale
e la paura resterà sul letto del fiume
e poi la canzone che ho cantato
adesso è un fiore soffocato
ma la magnolia la riavrà...
ed io ho un tatuaggio con il tuo nome,
l'ho fatto giù alla festa dei cajun
e tu la mia canzone l'hai imparata e non l'hai dimenticata
neanche ora che siamo sotto i tuoni...

E proprio ora che mi fai vedere un sorriso,
...

[questa è per Eugenio, perché lui ama questa canzone. E io amo il suo emozionarsi per le piccole cose.]

3 commenti:

Red Phender ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Abby ha detto...

pensa che a me non piace come cantante (e, diciamolo, tantomeno come persona), ma questa canzone ti scatena qualcosa dentro...

Red Phender ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.